Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456



News
29 novembre 2018
Il decreto Sicurezza e Immigrazione è legge
Via libera alla conversione in legge

16 novembre 2018
Rapporto Annuale l'Atlante SPRAR 2017/2018
Presentati i dati dello SPRAR, sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati in Italia

13 novembre 2018
Master in Salute Globale delle Migrazioni
Riflessione sulla salute dei richiedenti asilo e rifugiati


Al via a Bologna la formazione per i cittadini accoglienti

Il primo incontro organizzato dall'Azienda Servizi alla Persona Città di Bologna dal titolo "Prendersi cura, dare voce, ascoltare, rappresentare"


"Prendersi cura, dare voce, ascoltare, rappresentare", questo il titolo del primo incontro - tenutosi il 6 marzo 2018 dalle ore 17 alle ore 21 presso la Cappella Farnese di Palazzo d'Accursio a Bologna - rivolto ai cittadini che vogliono partecipare ai progetti di prossimità e vicinanza solidale a favore dei richiedenti e titolari di protezione internazionale, con particolare attenzione alla presa in carico dei minori stranieri non accompagnati.

Si tratta del primo momento di un percorso, organizzato dall'Azienda Servizi alla Persona Città di Bologna, per orientare e supportare chi abita nel territorio bolognese ed ha manifestato l'intenzione di attivarsi per contribuire all'accoglienza e all'integrazione.

Gli interventi, seguiti da circa un centinaio di persone, hanno voluto mostrare la pluralità di progetti ai quali è possibile partecipare.

Maria Adele Mimmi, capo dell'Area Benessere di Comunità del Comune di Bologna, ed Elisabetta Scoccati, direttore generale di ASP Città di Bologna, hanno introdotto al percorso di formazione e hanno descrito il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) attivo nella Città Metropolitana di Bologna.

Dario Vinci, responsabile dell'Ufficio Tutele del Comune di Bologna, ha raccontato l'esperienza dei tutori volontari e la possibilità di farne parte.

Chiara Labanti, responsabile del Centro per le Famiglie di ASP Città di Bologna ha parlato dell'affido familiare dei minori stranieri non accompagnati e dei criteri che prevede.

Paola Cavalleri, del Servizio Risorse Minori di ASP Città di Bologna, ha descritto il progetto di affiancamento ai minori stranieri non accompagnati accolti in comunità. Assieme a lei è intervenuto Giovanni, un ragazzo che ha partecipato a questo progetto ed ha portato la sua testimonianza.

Anna Viola Toller, coordinatrice del progetto Vesta per la cooperativa Camelot, ha illustrato la possibilità di ospitare un rifugiato nella porpria casa, un'esprienza di integrazione e un traghetto verso l'autonomia per ragazzi neomaggiorenni. Assieme a lei sono intervenuti Laura e Francesco, giovane coppia bolognese che ha accolto Becaye, neomaggiorenne del Senegal. I due ragazzi si sono soffermati su quanto sia stato importante sapere di poter contare su un progetto e su operatori che li hanno seguiti durante il percorso soprattutto nella ricerca di una casa per Becaye al termine della sua ospitalità. Quello che "dà un di più" al progetto secondo loro è proprio la possibilità di dimostrare quanto sia normale e umano avere voglia di ospitare e accogliere questi ragazzi, che di fatto hanno un nome e un volto.

Al termine degli interventi, si è aperto lo spazio alle domande dei presenti che hanno avuto la possibilità di confrontarsi su dubbi, problematiche e aspetti tecnici dei vari progetti.

L'obiettivo di questa plenaria è stato quello di indirizzare i presenti, sia famiglie che singoli, verso il progetto più idoneo da seguire.

Il prossimo incontro, previsto per il 20 marzo dalle 17.30 alle 20.30 nel medesimo luogo, si terrà nuovamente in plenaria e solo successivamente inizieranno i percorsi individuali delle progettualità.

Questa scelta è stata fatta per permettere ai cittadini di avere il tempo di scegliere con quale percorso interfacciarsi. Tutti i momenti di formazione si terranno nel tardo pomeriggio, per agevolare i lavoratori, e saranno tenuti da esperti nel settore dell'integrazione (operatori, avvocati, servizi sociali) con spazio per il confornto e la condivisione. Oltre ai due incontri plenari, per ciascun percorso sono previsti dai 3 ai 4 incontri (date da confermare così come luogo e orario) più 2 ulteriori incontri per chi deciderà di iniziare l'affido famigliare.

dati pubblicazione

Fonte: Progetto Vesta
Data: 06/03/2018
Area: area pubblica

link

Tag

Numeri&Statistiche
Comune_Bologna



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
09 novembre 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 settembre 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

26 luglio 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 giugno 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...




Legislazione-Giurisprudenza
03 dicembre 2018
Legge 1° dicembre 2018 n.132
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 4 ottobre 2018 n. 113, recante disposizioni ...

22 ottobre 2018
Circolare Ministero dell'Interno - Disposizioni in materia di iscrizione anagrafica.
Dall'entrata in vigore del D.L. Sicurezza e Immigrazione del 4 ottobre, n. 113 il permesso di soggiorno ...

16 ottobre 2018
Modifiche in materia di cittadinanza. D.L. 4 ottobre n.113
A decorre dal 5 ottobre 2018 ai sensi dell'art.14 del D.L. 4 ottobre 2018, n.113, il termine di definizione ...




Domande & Risposte
10 dicembre 2018
Il permesso di soggiorno per richiesta di protezione internazionale costituisce titolo per l'iscrizione all'anagrafica? ... Il permesso di soggiorn per richiesta di protezione internazionale non costituisce titolo per ...

10 dicembre 2018
Per le vittime di tratta ex art.18 del TU immigrazione è possibile l'accoglienza all'interno del sistema di protezione? Si, alla luce di quanto disposto dall'12 comma 1 del DL113/2018, convertito in legge che dispone ...

10 dicembre 2018
A seguito della lge 132/2018 chi gode di un permesso di soggiorno per protezione umanitaria potrà essere accolta all'interno ... No, a meno che l'ingresso all'interno del progetto dello Sprar non sia stato autorizzato prima ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel