Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<febbraio 2020>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728291
2345678
Eventi:


18 febbraio 2020
Roma - Centro Congressi Palazzo Rospigliosi
Convegno: “Lavoro stagionale, dignità e legalità”.



21 ottobre 2019
Roma, Caritas Italiana e MIUR
Concorso nazionale Caritas-Miur per l'a.s. 2019/2020






Patente di qualità per colf e badanti

Certifica le competenze secondo la norma tecnica Uni


La patente di qualità è stabilita dalla norma 11766 di Uni, l’ente italiano di normazione che elabora e pubblica documenti normativi volontari in tutti i settori commerciali, industriali e del terziario.

Con la norma 11766 Uni vuole rilasciare una certificazione a colf, badanti e baby sitter che ne attesti le competenze e porti a contrastare il sommerso. Il lavoro nero è infatti una piaga del settore del lavoro domestico di colf e badanti, che tuttavia rappresenta una fetta importante dell’economia del Paese.

La norma tecnica, approvata lo scorso 12 dicembre, va a colmare un vuoto normativo e punta a far rientrare anche il lavoro di colf, badanti e baby sitter negli standard europei in conformità al Quadro europeo delle qualifiche (European Qualifications Framework)

L’attività di colf, baby sitter e soprattutto badanti costituisce ormai un elemento fondamentale dello stato sociale del Paese, trattandosi di figure professionali essenziali per lo svolgimento della vita delle famiglie italiane e in particolare per l’assistenza dei bambini e degli anziani.In questo quadro, si è avvertita sempre più forte l’esigenza di fornire alle famiglie dei criteri obiettivi e attendibili per la scelta di tali particolari categorie di lavoratori, non esistendo, fino all’approvazione di questa norma, alcun titolo di studio o requisito professionale per essere considerati colf, baby sitter o badanti “professionali”a norma (che riguarda esclusivamente il lavoro domestico e quindi non si applica alle professioni sanitarie e socioassistenziali già regolamentate dalla legge) individua, in modo differenziato per le tre distinte attività professionali riconducibili al lavoro domestico (colf, baby sitter e badanti), i compiti e le attività specifiche che devono essere in grado di svolgere per poter essere qualificati in base alla norma stessa.

In particolare per ogni figura professionale la norma riporta una specifica tabella in cui sono elencate le conoscenze, le abilità e le competenze in relazione ai compiti che il lavoratore dev’essere in grado di svolgere per poter essere qualificato.

La stessa norma, inoltre, richiama l’importanza della formazione professionale di colf, baby sitter e badanti che, per poter essere qualificati, dovranno svolgere percorsi di formazione e aggiornamento necessari per acquisire le conoscenze previste dalla norma.La qualificazione, pertanto, si baserà su tre livelli distinti: conoscenze, abilità e competenze che dovranno caratterizzare l’attività professionale dei collaboratori domestici.

Un esempio relativo al profilo dei badanti può meglio chiarire come funzionerà il meccanismo di qualificazione.Tra le conoscenze che la norma UNI 11766 richiede al badante che si occupa di un anziano o di una persona con disabilità, vi è la conoscenza degli elementi di base di psicologia e delle principali tecniche di relazione e comunicazione; la conoscenza delle nozioni elementari della cultura italiana; la conoscenza dei soggetti a cui rivolgersi in caso di emergenza. Tra le abilità richieste, la norma indica ad esempio la capacità di effettuare una compagnia non meramente “passiva” ma che possa essere di stimolo e di gratificazione per l’assistito; la capacità di individuare una situazione di pericolo e chiamare in causa le persone/autorità competenti a intervenire; la capacità di utilizzare Internet e di effettuare ricerche anche in situazioni di emergenza; saper usare i principali strumenti di comunicazione (telefono, email, sms); praticare le misure di primo soccorso, utilizzando presidi sanitari e strumenti comunemente presenti nell’abitazione.

Infine - per quanto riguarda le competenze - la norma richiede al badante di saper dialogare e interagire con l’assistito in accordo con le indicazioni di medici e familiari; di individuare e gestire eventuali situazioni di emergenza; di svolgere attività di animazione o ricreative che siano di stimolo per l’assistito.

Lo stesso meccanismo viene replicato dalla norma per tutti i compiti posti alla base del lavoro quotidiano dei collaboratori familiari.

dati pubblicazione

Fonte: Money rivista on-line
Data: 21/01/2020
Area: area pubblica

link

Altro UNI certificazione badanti

Tag

Notizia



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
29 gennaio 2020
Aggiornamento degli sportelli e delle Amministrazioni attive nella Rete di Assistenza ANCI
Al 31 gennaio 2020 gli sportelli attivi della Rete di Assistenza ANCI sono 386, distribuiti in 364 ...

13 gennaio 2020
FAQ e Atti normativo-giurisprudenziali
Il documento riporta notizie pubblicate nelle sezioni FAQ e Legislazione-Giurisprudenza, presenti ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...




Legislazione-Giurisprudenza
06 febbraio 2020
Tabelle INPS con i contributi e la ripartizione delle aliquote assicurative e previdenziali
La circolare INPS 6 febbraio 2020, n. 17, riporta le tabelle con l’importo dei contributi dovuti ...

04 febbraio 2020
Circolare relativa al parere dell’ANAC riferito al nuovo schema di capitolato di appalto dei CAS.
In particolare, la circolare fornisce: a. indicazioni relative alla modifica dei bandi per le ...

05 dicembre 2019
DECRETO 18 novembre 2019
Modalita' di accesso degli enti locali ai finanziamenti del Fondo nazionale per le politiche ed ...




Domande & Risposte
12 febbraio 2020
Quali sono i requisiti ai fini del rilascio del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo e quali requisiti ... Il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ha sostitiuito la carta di soggiorno ...

18 ottobre 2019
Qualè la procedura per richiedere sostegno spese per l’affido del minore? Circa la procedura di pagamento dl contributo è previsto che il Comune segnali i nominativi dei ...

18 ottobre 2019
E' possibile chiedere l'accesso al fondo MSNA per sostenere le spese dell'affido di minore straniero non accompagnato? In merito al quesito si conferma la possibilità di poter chiedere l'accesso al fondo MSNA per sostenere ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel