Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456



News
29 novembre 2018
Il decreto Sicurezza e Immigrazione è legge
Via libera alla conversione in legge

16 novembre 2018
Rapporto Annuale l'Atlante SPRAR 2017/2018
Presentati i dati dello SPRAR, sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati in Italia

13 novembre 2018
Master in Salute Globale delle Migrazioni
Riflessione sulla salute dei richiedenti asilo e rifugiati


Conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori Sprar: Buona la prima

Il presidente dell'ANCI Antonio Decaro: “Lavoriamo per costruire storie di convivenza e integrazione. il nostro è un paese che accoglie”


La sala gremita di operatori Sprar e di rappresentanti delle amministrazioni locali, oltre 40 interventi, più di 50 interviste e centinaia di messaggi ricevuti al numero di telefono dedicato. Sono alcuni numeri illustrati da Annalisa Giovannini, responsabile del settore Ricerca e Sviluppo di Cittalia, che possono solo in parte restituire l’atmosfera positiva che si è respirata nei due giorni dei lavori della Prima Conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori Sprar “L’accoglienza che verrà: i volti, le voci, le storie”, all’Auditorium Parco della Musica.

Quattro indicazioni sono emerse dal dibattito sulla figura dell’operatore dello Sprar, che si evolve e si professionalizza: “Sprar non può essere solo e sempre un atto di buona volontà”; “L’operatore Sprar è un ponte tra la comunità locale e il progetto di accoglienza” è “un costruttore di connessioni”; “I Comuni devono metterci la faccia e avere l’orgoglio di portare avanti un progetto di accoglienza”. Oltre alle suggestioni sul loro ruolo, dagli operatori che quotidianamente accolgono, collaborano e cercano di aiutare chi arriva nel nostro Paese per necessità e che merita un’opportunità sono state raccontate esperienze, buone pratiche, progetti messi in campo nei diversi territori.

“I flussi migratori sono un fenomeno globale che ha un orizzonte più ampio di quello in cui ci muoviamo noi sindaci. Nonostante questo, però, proprio noi ci siamo fatti carico di una parte importante della sua gestione, provando a superare le diffidenze e dandoci il compito di costruire ponti e non muri. Abbiamo lavorato pensando all’accoglienza e all’integrazione come sua naturale conseguenza” ha commentato nel suo intervento di chiusura il presidente dell’Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro ricordando come il sistema Sprar negli ultimi 6 anni sia cresciuto dell’800 per cento, passando da una capienza di quattromila posti a circa 36 mila. “Come Anci – ha aggiunto – abbiamo lavorato insieme al ministro dell’Interno e al sottosegretario Manzione per allargare la base dei sindaci che aderiscono al progetto. Noi sindaci non faremo venire meno il nostro impegno ma non possiamo essere lasciati soli. E’ impensabile che tutto sia lasciato sulle spalle del nostro Paese e di alcuni sindaci di frontiera. Dobbiamo continuare a lavorare per costruire storie di convivenza, integrazione e rispetto perché il nostro è un Paese che accoglie, genera vita e insegna a guardare con speranza al futuro”. “Un migrante integrato è una ricchezza – ha rilevato il sottosegretario all’Interno Domenico Manzione – e lo è anche il nostro sistema di accoglienza. In Italia abbiamo ben undicimila operatori che si occupano di accoglienza e integrazione e solo grazie a loro abbiamo potuto fare un pezzo importante di un lungo cammino. Io, sono orgoglioso di averlo fatto insieme a voi”.

Il delegato Anci all’immigrazione e sindaco di Prato Matteo Biffoni ha definito lo Sprar, un sistema che “Anci riconosce come centrale per organizzare l’accoglienza, e unico strumento utile a superare i Cas e l’emergenza intorno alla vicenda degli immigrati”, ribadendo la necessità di lavorare nell’ottica di “patto” cercando di anestetizzare il sistema dalle turbolenze della politica. I dubbi però non mancano e Biffoni ne ha espressi “sulla obbligatorietà dell’accoglienza nei Comuni”. Ma, ha concluso, “mi interessa che oggi questa Conferenza rappresenti un punto di ripartenza che prendiamo atto che da questo lavoro non si torna più indietro”.

Lo spirito dell’Anci, ha raccontato il segretario generale Veronica Nicotra, è stato rivolto in questi anni a rafforzare lo Sprar come sistema sostenibile, una possibilità diventata una realtà tangibile, un modello di eccellenza di integrazione e protezione dei richiedenti asilo che fuori dalle logiche della prima accoglienza lavora per l’aggregazione a beneficio della comunità e del territorio. Un lavoro di anni, intenso e faticoso, caratterizzato da una grande collaborazione con il Viminale. “Una gestione ordinata dei flussi migratori – ha sottolineato Nicotra - è possibile. Lo dimostra la straordinaria crescita dello Sprar in questo ultimo periodo, che deriva dal grande impegno dell’Anci per ottenere la clausola di salvaguardia e attraverso un piano di distribuzione territoriale che cerca di diffondere la presenza dei progetti. Sta anche a tutti noi, alle istituzioni, migliorare la capacità di raccontare il bello di ciò che facciamo per aiutare chi fugge e ha bisogno”.

Una posizione condivisa dal capo dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del ministero dell’Interno Gerarda Pantalone che ha confermato il ruolo centrale dei Comuni quali protagonisti dell’accoglienza ed evidenziato l’ottimo lavoro svolto dalla cabina di regia realizzata con Anci per risolvere le dinamiche territoriali più complesse grazie al dialogo con Comuni e Prefetture. “Dobbiamo favorire gli enti locali che presentano progetti - ha detto - e operiamo per rafforzare i centri Fami (Fondo asilo migrazione e integrazione) per garantire una prima accoglienza ai minori stranieri non accompagnati”. Rivolgendosi alla sala, Pantalone ha invitato gli operatori a continuare ad adoperarsi con l’impegno dimostrato in questi anni.

dati pubblicazione

Fonte: ANCI
Data: 21/02/2018
Area: area pubblica

link

Tag

Numeri&Statistiche
SPRAR



File Allegati
Nessun file allegato...




Ultimi Documenti Pubblicati
09 novembre 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 settembre 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

26 luglio 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 giugno 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...




Legislazione-Giurisprudenza
03 dicembre 2018
Legge 1° dicembre 2018 n.132
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 4 ottobre 2018 n. 113, recante disposizioni ...

22 ottobre 2018
Circolare Ministero dell'Interno - Disposizioni in materia di iscrizione anagrafica.
Dall'entrata in vigore del D.L. Sicurezza e Immigrazione del 4 ottobre, n. 113 il permesso di soggiorno ...

16 ottobre 2018
Modifiche in materia di cittadinanza. D.L. 4 ottobre n.113
A decorre dal 5 ottobre 2018 ai sensi dell'art.14 del D.L. 4 ottobre 2018, n.113, il termine di definizione ...




Domande & Risposte
10 dicembre 2018
Il permesso di soggiorno per richiesta di protezione internazionale costituisce titolo per l'iscrizione all'anagrafica? ... Il permesso di soggiorn per richiesta di protezione internazionale non costituisce titolo per ...

10 dicembre 2018
Per le vittime di tratta ex art.18 del TU immigrazione è possibile l'accoglienza all'interno del sistema di protezione? Si, alla luce di quanto disposto dall'12 comma 1 del DL113/2018, convertito in legge che dispone ...

10 dicembre 2018
A seguito della lge 132/2018 chi gode di un permesso di soggiorno per protezione umanitaria potrà essere accolta all'interno ... No, a meno che l'ingresso all'interno del progetto dello Sprar non sia stato autorizzato prima ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel