Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<dicembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
262728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456



News
29 novembre 2018
Il decreto Sicurezza e Immigrazione è legge
Via libera alla conversione in legge

16 novembre 2018
Rapporto Annuale l'Atlante SPRAR 2017/2018
Presentati i dati dello SPRAR, sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati in Italia

13 novembre 2018
Master in Salute Globale delle Migrazioni
Riflessione sulla salute dei richiedenti asilo e rifugiati


logo Faq Il diritto al soggiorno permanente in Italia

Cittadina straniera legalmente presente in Italia con permesso di soggiorno per lavoro subordinato, iscritta in anagrafe, si sposa con cittadino italiano con il quale convive. Al momento del matrimonio la signora ha permesso di soggiorno per lav. sub. ancora valido per due anni e solo allo scadenza dello stesso chiede la carta di soggiorno come coniuge di cittadino italiano, che la Questura le rilascia con validità di 5 anni. Dopo 6 anni di matrimonio ( ma 4 anni dal rilascio della carta di soggiorno) il marito decede. Alla scadenza della carta di soggiorno la signora si reca in Questura per rinnovare il documento ma la Questura risponde negativamente e che può chiedere la carta di soggiorno ex art. 9 D.L. 286/98, se soddisfatti i requisiti, in quanto regolarmente soggiornante da più di cinque anni in Italia, oppure, data la reversibilità della pensione del marito, il permesso di soggiorno biennale per residenza elettiva. Si chiede se : dopo 6 anni di matrimonio e soggiorno legale ed in via continuativa in Italia unitamente al cittadino italiano la signora straniera abbia maturato il diritto al soggiorno permanente in quanto familiare di cittadino italiano, così come pare enunciare l'art. 14 c. 2 del D.L.30/6.02.2007. Ma se le diverse Questure si esprimono in modi diversi rispetto a una situazione di questo tipo (ho verificato che Questure diverse a proposito di questo caso danno pareri diversi) , su quali motivazioni si appoggiano le loro diverse interpretazioni? Il diritto della signora al soggiorno permanente è dato dalla condizione di coniuge di cittadino italiano con lui legalmente convivente e in via continuativa, senza riferimento al titolo di soggiorno oppure se è legato al possesso della carta di soggiorno per 5 anni come familiare di cittadino italiano ancora in vita ? La signora avrebbe avuto l'obbligo di chiedere il cambio di documento in possesso per ottenere la carta di soggiorno come familiare di cittadino italiano? Se la signora non lavora ma vive con la pensione di reversibilità del marito defunto potrebbe chiedere la carta di soggiorno ex art. 9 D.L. 286/98?

 

 

 

L’art. 19 Dlgs. 30/07 - Disposizioni comuni al diritto di soggiorno e al diritto di soggiorno permanente – stabilisce al comma 4 : “La qualità di titolare di diritto di soggiorno e di titolare di diritto di soggiorno permanente può essere attestata con qualsiasi mezzo di prova previsto dalla normativa vigente, fermo restando che il possesso del relativo documento non costituisce condizione necessaria per l'esercizio di un diritto”.
La signora può dimostrare anche con il permesso di soggiorno biennale la continuità quinquennale del soggiorno legale in virtù del vincolo familiare ai sensi della direttiva 38/04.
Riprendiamo alcuni articoli della direttiva 38/04: Capo IV – Diritto di soggiorno permanente - Art. 16 “Norma generale per i cittadini dell'Unione e i loro familiari - 1. Il cittadino dell'Unione che abbia soggiornato legalmente ed in via continuativa per cinque anni nello Stato membro ospitante ha diritto al soggiorno permanente in detto Stato. Tale diritto non è subordinato alle condizioni di cui al capo III. 2. Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano anche ai familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che abbiano soggiornato legalmente in via continuativa per cinque anni assieme al cittadino dell'Unione nello Stato membro ospitante.”
Nel capo III si disciplina il rilascio della carta di soggiorno, ma il familiare può dimostrare il proprio diritto di soggiorno permanente anche con altri permessi di soggiorno e l’atto di matrimonio che documentano un soggiorno legale ai sensi della direttiva.
E ancora: art. 12 par. 2 della direttiva 38/04 “… il decesso del cittadino dell'Unione non comporta la perdita del diritto di soggiorno dei familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro e che hanno soggiornato nello Stato membro ospitante per almeno un anno prima del decesso del cittadino dell'Unione.” Art. 18 della direttiva 38/04: Acquisizione del diritto di soggiorno permanente da parte di taluni familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro “… i familiari del cittadino dell'Unione di cui all'articolo 12, par. 2, e all'articolo 13, par. 2, che soddisfano le condizioni ivi previste, acquisiscono il diritto di soggiorno permanente dopo aver soggiornato legalmente e in via continuativa per cinque anni nello Stato membro ospitante.”
Infine si richiama la nota sentenza della CGUE del 21/12/2011 con la quale la Corte europea chiarisce che possano essere computati ai fini dell’acquisizione del diritto di soggiorno permanente addirittura periodi precedenti all’adesione di uno Stato terzo all’Unione, purché il soggiorno dei cittadini di quello Stato sia stato legale ai sensi della direttiva 38/04.
Il soggiorno della signora anche nei primi 2 anni di matrimonio risponde alle condizioni di legalità richieste dalla direttiva europea, in virtù del vincolo familiare e del titolo di soggiorno rilasciato attestante la regolarità del soggiorno.
 


dati pubblicazione

Data: 29/09/2015
Area: area pubblica

link

Tag

FAQ_Normativa
Permessi_di_Soggiorno





Ultimi Documenti Pubblicati
09 novembre 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 settembre 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

26 luglio 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 giugno 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...




Legislazione-Giurisprudenza
03 dicembre 2018
Legge 1° dicembre 2018 n.132
Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 4 ottobre 2018 n. 113, recante disposizioni ...

22 ottobre 2018
Circolare Ministero dell'Interno - Disposizioni in materia di iscrizione anagrafica.
Dall'entrata in vigore del D.L. Sicurezza e Immigrazione del 4 ottobre, n. 113 il permesso di soggiorno ...

16 ottobre 2018
Modifiche in materia di cittadinanza. D.L. 4 ottobre n.113
A decorre dal 5 ottobre 2018 ai sensi dell'art.14 del D.L. 4 ottobre 2018, n.113, il termine di definizione ...




Domande & Risposte
10 dicembre 2018
Il permesso di soggiorno per richiesta di protezione internazionale costituisce titolo per l'iscrizione all'anagrafica? ... Il permesso di soggiorn per richiesta di protezione internazionale non costituisce titolo per ...

10 dicembre 2018
Per le vittime di tratta ex art.18 del TU immigrazione è possibile l'accoglienza all'interno del sistema di protezione? Si, alla luce di quanto disposto dall'12 comma 1 del DL113/2018, convertito in legge che dispone ...

10 dicembre 2018
A seguito della lge 132/2018 chi gode di un permesso di soggiorno per protezione umanitaria potrà essere accolta all'interno ... No, a meno che l'ingresso all'interno del progetto dello Sprar non sia stato autorizzato prima ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel