Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<giugno 2018>
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678



News
15 giugno 2018
Accordo Eurocamera e Consiglio UE
Migranti potranno lavorare dopo 6 mesi della richiesta di asilo

15 giugno 2018
“Porte aperte Sprar” Giornata Mondiale del Rifugiato
Eventi culturali e sportivi in occasione del 20 giugno

11 giugno 2018
Cittadinanza Italiana: Record di Acquisizione nel 2017
Ai primi posti migranti da Albania, Marocco, Romania e India


logo Faq Il diritto al soggiorno permanente in Italia

Cittadina straniera legalmente presente in Italia con permesso di soggiorno per lavoro subordinato, iscritta in anagrafe, si sposa con cittadino italiano con il quale convive. Al momento del matrimonio la signora ha permesso di soggiorno per lav. sub. ancora valido per due anni e solo allo scadenza dello stesso chiede la carta di soggiorno come coniuge di cittadino italiano, che la Questura le rilascia con validità di 5 anni. Dopo 6 anni di matrimonio ( ma 4 anni dal rilascio della carta di soggiorno) il marito decede. Alla scadenza della carta di soggiorno la signora si reca in Questura per rinnovare il documento ma la Questura risponde negativamente e che può chiedere la carta di soggiorno ex art. 9 D.L. 286/98, se soddisfatti i requisiti, in quanto regolarmente soggiornante da più di cinque anni in Italia, oppure, data la reversibilità della pensione del marito, il permesso di soggiorno biennale per residenza elettiva. Si chiede se : dopo 6 anni di matrimonio e soggiorno legale ed in via continuativa in Italia unitamente al cittadino italiano la signora straniera abbia maturato il diritto al soggiorno permanente in quanto familiare di cittadino italiano, così come pare enunciare l'art. 14 c. 2 del D.L.30/6.02.2007. Ma se le diverse Questure si esprimono in modi diversi rispetto a una situazione di questo tipo (ho verificato che Questure diverse a proposito di questo caso danno pareri diversi) , su quali motivazioni si appoggiano le loro diverse interpretazioni? Il diritto della signora al soggiorno permanente è dato dalla condizione di coniuge di cittadino italiano con lui legalmente convivente e in via continuativa, senza riferimento al titolo di soggiorno oppure se è legato al possesso della carta di soggiorno per 5 anni come familiare di cittadino italiano ancora in vita ? La signora avrebbe avuto l'obbligo di chiedere il cambio di documento in possesso per ottenere la carta di soggiorno come familiare di cittadino italiano? Se la signora non lavora ma vive con la pensione di reversibilità del marito defunto potrebbe chiedere la carta di soggiorno ex art. 9 D.L. 286/98?

 

 

 

L’art. 19 Dlgs. 30/07 - Disposizioni comuni al diritto di soggiorno e al diritto di soggiorno permanente – stabilisce al comma 4 : “La qualità di titolare di diritto di soggiorno e di titolare di diritto di soggiorno permanente può essere attestata con qualsiasi mezzo di prova previsto dalla normativa vigente, fermo restando che il possesso del relativo documento non costituisce condizione necessaria per l'esercizio di un diritto”.
La signora può dimostrare anche con il permesso di soggiorno biennale la continuità quinquennale del soggiorno legale in virtù del vincolo familiare ai sensi della direttiva 38/04.
Riprendiamo alcuni articoli della direttiva 38/04: Capo IV – Diritto di soggiorno permanente - Art. 16 “Norma generale per i cittadini dell'Unione e i loro familiari - 1. Il cittadino dell'Unione che abbia soggiornato legalmente ed in via continuativa per cinque anni nello Stato membro ospitante ha diritto al soggiorno permanente in detto Stato. Tale diritto non è subordinato alle condizioni di cui al capo III. 2. Le disposizioni del paragrafo 1 si applicano anche ai familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che abbiano soggiornato legalmente in via continuativa per cinque anni assieme al cittadino dell'Unione nello Stato membro ospitante.”
Nel capo III si disciplina il rilascio della carta di soggiorno, ma il familiare può dimostrare il proprio diritto di soggiorno permanente anche con altri permessi di soggiorno e l’atto di matrimonio che documentano un soggiorno legale ai sensi della direttiva.
E ancora: art. 12 par. 2 della direttiva 38/04 “… il decesso del cittadino dell'Unione non comporta la perdita del diritto di soggiorno dei familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro e che hanno soggiornato nello Stato membro ospitante per almeno un anno prima del decesso del cittadino dell'Unione.” Art. 18 della direttiva 38/04: Acquisizione del diritto di soggiorno permanente da parte di taluni familiari non aventi la cittadinanza di uno Stato membro “… i familiari del cittadino dell'Unione di cui all'articolo 12, par. 2, e all'articolo 13, par. 2, che soddisfano le condizioni ivi previste, acquisiscono il diritto di soggiorno permanente dopo aver soggiornato legalmente e in via continuativa per cinque anni nello Stato membro ospitante.”
Infine si richiama la nota sentenza della CGUE del 21/12/2011 con la quale la Corte europea chiarisce che possano essere computati ai fini dell’acquisizione del diritto di soggiorno permanente addirittura periodi precedenti all’adesione di uno Stato terzo all’Unione, purché il soggiorno dei cittadini di quello Stato sia stato legale ai sensi della direttiva 38/04.
Il soggiorno della signora anche nei primi 2 anni di matrimonio risponde alle condizioni di legalità richieste dalla direttiva europea, in virtù del vincolo familiare e del titolo di soggiorno rilasciato attestante la regolarità del soggiorno.
 


dati pubblicazione

Data: 29/09/2015
Area: area pubblica

link

Tag

FAQ_Normativa
Permessi_di_Soggiorno





Ultimi Documenti Pubblicati
05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...

07 settembre 2017
Aggiornamento al 7 settembre 2017 degli sportelli e delle Amministrazioni attive della Rete di Assi
Le Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...




Legislazione-Giurisprudenza
12 giugno 2018
Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 12 aprile 2018
CGUE - Sentenza della Corte (Seconda Sezione) Minori non accompagnati e diritto al ricongiungimento ...

12 giugno 2018
Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 12 aprile 2018
CGUE - Sentenza della Corte (Seconda Sezione) Minori non accompagnati e diritto al ricongiungimento ...

31 gennaio 2018
Nuove disposizioine in materia di Asilo e minori stranieri non accompagnati
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142, di attuazione ...




Domande & Risposte
24 novembre 2017
In attesa di primo rilascio del permesso di soggiorno è possibile richiedere l'iscrizione all'anagrafe dei residenti ... Sulla scorta di quanto disposto dal decreto legislativo 142\2015, l'iscrizione anagrafica può ...

24 novembre 2017
Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per richiesta asilo, per asilo, o per ... Domanda:

Quel’è la normativa di riferimento in materia di rilascio di permesso di soggiorno per ...

24 novembre 2017
Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso di soggiorno ai sensi del ... Domanda:

Sulla base di quali presupposti la Questura competente può valutare il rilascio del permesso ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel