Logo della sperimentazione Logo Anci



Agenda Eventi

<settembre 2018>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
1234567
Eventi:


24 settembre 2018
Università Ca'Foscari
Corso on line gratuito di letteratura e migrazioni in Italia



20 settembre 2018
Torino
Il Festival delle Migrazioni







News
17 settembre 2018
10° Edizione del Festival dei Giornalisti del Mediterraneo di Otranto
ANSA riceve il premio giornalistico "Caravella del Mediterraneo" 2018

11 settembre 2018
Ricerca IDOS: La scuola italiana e sempre più multietniche
Un alunno su 10 è straniero, anche se in 3 casi su 5 nato in Italia.

10 settembre 2018
Nuove regole per l'ingresso e soggiorno in Italia per volontariato, ricerca e studio
Il decreto, entrato in vigore il 5 luglio 2018, modifica alcuni articoli del Testo Unico dell'immigrazione


logo Faq Cittadini UE: il diritto di soggiorno non si perde con la cancellazione anagrafica

Un cittadino comunitario ha richiesto l'iscrizione anagrafica dichiarando la provenienza da altro Comune che, interpellato, comunicava di avere effettuato l'iscrizione direttamente dall'estero nel 2007, di aver rilasciato attestazione di iscrizione anagrafica a tempo indeterminato sempre nel 2007 e di averlo cancellato per irreperibilità nel 2012. In questa circostanza, il Comune chiede se la cancellazione per irreperibilità comporti la perdita del diritto di soggiorno e quindi se lo stesso, per l'iscrizione presso il Comune richiedente, debba ripresentare tutta la documentazione prevista dal D.lgs. 30/2007 (allegato b della dichiarazione di residenza). L'ufficio comunale fa presente che il cittadino ha dichiarato di avere smarrito l'attestazione di iscrizione anagrafica rilasciata a suo tempo dal precedente Comune e di essere attualmente disoccupato.

Per dirimere la questione è necessario, innanzitutto, verificare alcune condizioni. Il cittadino dell'Unione che ha soggiornato legalmente e in via continuativa per cinque anni nel territorio nazionale ha diritto al soggiorno permanente non subordinato a ulteriori requisiti o condizioni (art. 14 d.lgs. 30/07). Ricordiamo che il cittadino dell'Unione per mantenere lo status di lavoratore deve avere in corso un'attività lavorativa oppure deve essere in stato di disoccupazione involontaria (licenziamento o termine rapporto di lavoro). Se la durata del contratto di lavoro è stata inferiore all'anno può mantenere la condizione di lavoratore per un anno attraverso la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro resa presso il centro per l'impiego territorialmente competente (art. 7 d.lgs. 30/07). Se il soggiorno era ad altro titolo deve avere la disponibilità di risorse economiche per il mantenimento, messe a disposizione anche da terzi, e la titolarità di un'assicurazione che copra tutti i rischi sanitari della durata di almeno 1 anno. Infine, se familiare, deve documentare il legame parentale e nei casi di cessazione della relazione familiare di rientrare in uno dei casi indicati dagli artt. 11, 12 e 13 del d.lgs. 30/07. La continuità del soggiorno non è pregiudicata da assenze che non superino complessivamente sei mesi l'anno, nonché da assenze di durata superiore per l'assolvimento di obblighi militari ovvero da assenze fino a dodici mesi consecutivi per motivi rilevanti, quali malattia grave, studi o formazione professionale o distacco per motivi di lavoro in un altro Stato membro o in un Paese terzo. Il diritto di soggiorno permanente si perde in ogni caso a seguito di assenze dal territorio nazionale di durata superiore a due anni consecutivi. Quindi per prima cosa va verificato se in tutti questi anni sono maturate le condizioni per il rilascio dell'attestato di soggiorno permanente e se acquisito tale diritto il cittadino non l'abbia perso per l'assenza dall'Italia per una durata superiore a due anni consecutivi. L'attestato permanente richiesto dall'interessato viene rilasciato dal Comune di attuale residenza. Il soggiorno legale può prescindere dalla cancellazione anagrafica se il cittadino è in grado di documentare che ha continuato a soggiornare in Italia, mantenendo in modo continuativo i requisiti previsti dalla direttiva europea 38/04. Pertanto la cancellazione per irreperibilità non comporta automaticamente la perdita del diritto di soggiorno, in quanto ad essere stata accertata è la condizione di persona irreperibile nel comune di residenza, senza alcun collegamento con i requisiti di soggiorno legale previsti dalla disciplina europea e recepiti dal d.lgs. 30/07, la cui sussistenza va verificata.



dati pubblicazione

Data: 03/09/2015
Area: area pubblica

link

Tag

Quesiti&Risposte
FAQ





Ultimi Documenti Pubblicati
26 luglio 2018
Aggiornamento della Rete di Assistenza al 30 giugno 2018
Amministrazioni attive della Rete di Assistenza dei Comuni al cittadino straniero per la compilazione ...

05 dicembre 2017
Mini-guida sulle condizioni di ingresso e soggiorno dei dirigenti e dei lavoratori di Paesi Terzi
Con il D. Lgs. 29 dicembre 2016, n. 253, l'Italia ha dato attuazione alla direttiva 2014/66/UE sulle ...

13 settembre 2017
Nuovo strumento dell'UE di determinazione delle competenze per i cittadini dei paesi terzi
Lo strumento dell'UE di determinazione delle competenze è un programma on line multilingue che ...




Legislazione-Giurisprudenza
22 giugno 2018
D.Lgs. n.71 del 11.05.2018 Ingresso e soggiorno di extracomunitari per motivi di studio, recerca or tirocinio
Attuazione della direttiva (UE) 2016/801, relativa alle condizioni di ingresso e soggiorno, ...

12 giugno 2018
Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 12 aprile 2018
CGUE - Sentenza della Corte (Seconda Sezione) Minori non accompagnati e diritto al ricongiungimento ...

31 gennaio 2018
Nuove disposizioine in materia di Asilo e minori stranieri non accompagnati
Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142, di attuazione ...




Domande & Risposte
17 settembre 2018
Posso rivolgermi al mio Comuni per assistenza per il rinovvo del mio permesso di soggiorno? In virtù della convenzione stipulata tra il Ministero dell'Interno e Poste Italiane SPA, ai sensi ...

13 settembre 2018
Intendo chiedere il permesso CE per soggiornanti di lungo periodo devo superare esame di conoscenza della lingua italiana? Il cittadino straniero che vive legalmente in Italia da più di 5 anni e intende chiedere il permesso ...

12 settembre 2018
Ho i requisiti per richiedere la cittadinanza Italiana. La mia figli, attualmente minorenne, può richiedere la cittadinanza ... Ai sensi dell'art. 14 della legge n.91/1992, la richiesta di cittadinanza presentata da un cittadino ...



logo anci
Copyright 2007 - ANCI - Note Legali - Credits
Progetto PERMESSI DI SOGGIORNO - Ancitel S.p.A.
Via dell'Arco di Travertino 11 - 00178 Roma
tel: 06.76291484 fax: 06.76291367
e-mail: serviziimmigrazione@anci.it
logo ancitel